www.marcoandelena.it

Marco and Elena

Questo piccolo contributo al mondo web è per noi un modo per cristallizzare i momenti di una vita vissuta insieme.

Noi siamo una cosa sola; molte volte nel giorno; per sempre nella vita.

Font Size

SCREEN

Profile

Menu Style

Cpanel

1 Dublino

 

Dublino vissuta a piedi è bellissima, un sacco di gente giovane, un sacco di gente strana, pub musica e birra...Guinnes Guinnes Guinnes a fiumi.

Dopo la misera colazione fatta nel nostro ostello (mai fare colazione in un ostello se non ci siete mai stati), ci siamo rifatti con cappuccino e brioches al "Bewley Oriental Cafè" a Grafton Street nel cuore della città. Iniziamo il nostro giro seguendo fedeli la Guida; gran parte delle attrazioni si trovano a sud della Liffey, il fiume che attraversa Dublino. Iniziamo con il Trinity College (imperdibile la visita all'antica biblioteca), l'università del paese ( in Irlanda le università sono gratuite), per passare al Castello di Dublino, fino ad arrivare ad uno dei maggiori parchi di Dublino St.Stephen's Green, 9 ettari di giardino nel cuore della città circondato da palazzi gerogiani dalle caratteristiche porte colorate in Harcourt Street.

 

Abbiamo pranzato in Temple Bar, il posto giusto dove andare durante il giorno per una tazza di caffè o pranzare in un ristorante etnico, ma ideale da vivere la sera, con i suoi artisti di strada i suoi colori e la musica dal vivo. La sera si trova un sacco di gente, rumore, ma non spaventatevi ci sono talmente tanti turisti che la situazione è sempre sotto controllo. Dopo il giro da manuale abbiamo costeggiato a piedi la Liffey fino ad arrivare alla fabbrica della Guinnes in St.James Gate. Lo stabilimento non è aperto al pubblico ma la vicina Guinnes Storehouse vi dirà tutto quello che volete sapere sulla birra. noi ci siamo clamorosamente imbucati nella struttura (teoricamente l'ingresso è di 12 euro), e senza sapere esattamente come ci siamo trovati sulla terrazzain vetro panoramica al settimo piano dell'edificio. Qui il caso mi ha fatto incontrare mio cugino...che non vedo da 3 anni....a volte la vita è davvero buffa.

La giornata è quasi al tramonto e ci rincamminiamo verso il nostro ostello tra gente di ogni tipo, che magicamente alle 17.30 è spuntata come funghi per le vie del centro...sembra l'ora di punta alla vigilia di Natale. Dopo una doccia rilassante, nonostante il mal di piedi usciamo di nuovo per cenare in uno dei tanti locali chiamati "Heddie's Rokets" in stile Happy Days, il classica fast food all'americana.

E prima di andare a nanna non possiamo non tuffarci in uno dei tanti caldissimi pub per ascoltare un pò di buona musica irlandese dal vivo e bere un pò di Guinnes.

Ma la stanchezza si impossessa di noi, quindi decidiamo di tornarcene con i nostri piedi dolranti verso l'ostello e dormire, domani ci aspetta il trasferimento in aereoporto per ritirare l'auto a noleggio ed iniziare la scoperta delle terre d'Irlanda....

Diari di Viaggio