www.marcoandelena.it

Marco and Elena

Questo piccolo contributo al mondo web è per noi un modo per cristallizzare i momenti di una vita vissuta insieme.

Noi siamo una cosa sola; molte volte nel giorno; per sempre nella vita.

Font Size

SCREEN

Profile

Menu Style

Cpanel

Londra Agosto 2007

 

30 AGOSTO:

Arriviamo a Londra con un volo interno da Cork (Irlanda), e durante il tragitto aereo ci imbattiamo in un simpatico incontro; una signora inglese ma di origini irlandesi che sta facendo ritorno a Londra dopo essere stata a trovare parenti in Irlanda. In un'ora di volo, la simpatica vicina di posto racconta a Marco (dopo aver intuito che io non capivo nulla di quello che diceva), praticamente tutta la sua vita...ci fosse stata mezz'ora di volo in più e si sarebbero scoperti parenti!!!

Atteriamo a Londra, ormai è buio ed è tutto piuttosto confuso; saliamo sul nostro Stansead Expres (il treno che porta al centro della città) e ci facciamo 30 minuti di viaggio, chiacchierando con un ragazzo di origini italiane, vissuto in Germania e che ora vive in Sud Africa...come inizio non è male. Arrivati al centro della città, ci addentriamo un pò inesperti nella metropolitana di Londra (13 linne più il binario ferroviario)...un concentrato di persone, cellulari, ipod, colori e suoni...e il ritmo...frenetico...sempre...ad ongni ora!!!!!

 

Scendiamo a "Paddington" e a piedi ci addentriamo nella notte londinese alla ricerca del nostro Hotel. Ci accorgiamo che siamo scesi troppo presto dalla metropolitana, perchè l'hotel non si vede e i piedi hanno bisongo di riposo. Cammina Cammina arriviamo all'hotel...cavoli visto da fuori sembra uno di quegli hotel extralusso, tanto che a Marco viene il dubbio di aver sbagliato la prenotazione. Ma ora siamo troppo stanchi per pensare a qualsiasi cosa...entriamo, sbrighiamo le formalità e ci tuffiamo a letto.

 

 

31 AGOSTO:

La nostra prima mattina a Londra inizia in un modo un pò strano. Dopo una colazione inglese usciamo diretti a Buckingham Palace, diamo uno sguardo alla mappa e ci incamminiamo per St.Jame's Park, ma nonostante sia mattina, nonostante non sia prestissimo...non c'è in giro anima viva. Arriviamo alle porte del Parco e ci accorgliamo che a parte noi due, la via è trapuntata di furgoni blindati, polizziotti armati, posti di blocco e guardie a cavallo...ohh...ohh..qui è successo qualcosa...pensiamo immediatamente. Ci avevan detto che Londra è la città del caos, della gente, del rumore, ma dove sono tutti?? sono passate le nove del mattino la città sembra svuotata...ed io non mi sento più al sicuro.

Porca miseria, ci accorgiamo tardi che oggi è il 31 di Agosto, anniversario della morte di Lady Diana...ecco perchè la città è blindata, perchè i Reali si stanno muovendo per andare alla celebrazione della commemorazione. Un pò più tranquilli riprendiamo il nostro cammino ed arriviamo a Buckingham Palace in questa occasione svuotata dal traffico e dalla gente...bellissimo...l'unico inconveniete è che durante il nostro soggiorno a Londra non riusciremo mai a vedere il vero cambio della guardia, perchè i militari in questi giorni sono impegnati in diverse manifestazioni in "costume".

Decidiamo di visitare il palazzo,  e con 15 sterline a testa abbiamo l'opportunità di vedere le stanze più lussuose..bellissime, con oggetti e quadri dal valore inestimabile. Ci sarebbe piacito vedere anche la restante parte del palazzo, le scuderie e i giardini, ma per farlo, il prezzo del biglietto era il doppio...quindi abbiamo desistito.

 

Riattraversiamo St.Jame's Park, questo meraviglioso parco che fa da polmone verde per i londinesi (uno dei tanti parchi) è pieno di animali tra i più svariati...bellissimo. Finalmente ci addentriamo nella Londra tanto aspettata...ci tuffiamo nella via principale della città e ci troviamo catapultati in una realtà frenetica fatta di colori, odori, suoni, pulmann doppi, taxi, mezzi pubblici e soprattutto gente...tanta gente ad ogni angolo, in ogni piazza, in ogni negozio, cente di ogni tipo, razza, religione; turisti che si confondono con gli studenti che a loro volta si confondono con i commessi dei grandi magazzini...fino ad essere strasportati dall'onda di folla che attende al semaforo di poter attraversare le vie caotiche...un ritmo frenetico che ti risucchia...e non puoi star solo a guardare.

Qui si mangia ad ogni ora del giorno e della notte...e non saprei dire "cosa" si mangi a Londra...perchè tutto si può mangiare qui, dal cibo toscano alla cucina etnica, dalla pasta al pomodoro al salmone affumicato, qui tutti mangiano di tutto e ad ogni ora del giorno.

La metropolitana, va vissuta come se fosse unavia del centro, piena di negozi e di cose da vedere, prchè ogni linea è un mondo a se....pieno di colori, di gente che legge, si sposta, lavora. Ogni linea della metropolitana ha un colore, ogni linea della metropolitana ti porta sempre più giù, sotto terra e fa caldo...a volte caldissimo e ti chiedi come facciano i Londinesi a vivere ogni giorno in questo modo. Abbiamo visto cose e posti mai immaginati, abbiamo capito subito che Londra è la città degli eccessi sotto molti punti si vista.

A londra qualsiasi cosa tu stia cercando la trovi...senza particolari priblemi.La città va vissuta così com'è, senza paura, qui la gente non ti guarda, non ti giudica, non ti chiede se sei turista, studente o assassino, va per la sua strada mischiandosi al tuo ritmo. Già il primo giorno ti pare di aver visto cosi tanto che credi di aver visto tutto...ma ci accorgeremo presto che è impossibile vedere tutto ciò che ti attrae in questa città....ci vorrebbe troppo tempo.

 

 

01 SETTEMBRE:

 

Il nostro nuovo giorno a Londra inizia con un giro nel mercatino tipico di Portobello Road, il pi famoso mercato dell'antiquariato e delle pulci, ci sono bancarelle che vendono ogni cosa, dalla frutta alle targhe delle auto.

 

Abbiamo attraversato Hide Park e Kensington Garden per arrivare alla residenza di Lady Diana, che per il giorno della "memoria"│ tappezzata di fotgrafie, fiori, preghiere...un momento decisamente toccante, che ci ha fatto capire quanto questa donna abbia lasciato nel cuore dei londinesi. Ripassando per il Parco siamo andati al Natural History Museum, il più grande museo di storia naturale, che racchiude tre piani di meraviglie...ci vorrebbe un giorno intero per fare la meritata visita, ma noi non abbiamo cos↓ tanto tempo, quindi facciamo un breve tour e usciamo per rientrare nel Science Museum; questo luogo racconta secoli di sviluppo scientifico e tecnologico attraverso interessanti esposizioni. Passiamo nella zona di Harrods, ma la ressa di gente che entra ed esce, ci fa decidere di rientrare in hotel riposare e ritornare qui più tardi.

 

Dopo esserci riposati un'oretta, ripartiamo da Covent Garden, passando per Leicester Square...questa è la zona dello spettacolo, dei teatri, dei cinema, della danza. Qui ad ogni ora nei teatri c'è uno spettacolo, per le strade un sacco di gente giovane, di studenti che si ritrovano nei giardinetti per chiacchierare..bellissimo, caotico ma bellissimo. E' anche la zona dei mercati, degli artisti di strada, della musica dal vivo. Si fa sera, e noi da buoni turisti, con scarpe da ginnastica, jeans e un marsupio, entriamo ai grandi Magazzini Harrods....

 

Grandi magazzini....se ci sentissero i proprietari credo che farebbero delle gigantografie con le nostre due foto da esporre all'ingresso con scritto "io non posso entrare". Harrods è il lusso fatto a misura di sceicco arabo. Questo enorme palazzo di cose preziose è frequentato per lo più (turisti a parte) da uomini e donne arabi....potenti e ricchi...abbiamo visto fare acquisti di orologi dal valore inestimabile, nella stessa maniera in cui si compra la frutta; donne arabe coperte in veli di seta nera, con gioielli in vista e profumatissime si aggiravano per i negozi acquistando ogni prezioso che le rendesse ancora più appariscenti. Che vergogna....io e Marco ci aggiriamo con  il nostro zainetto come due turisti alla prima avventura decidendo di "guardare e non toccare"...e dopo aver scattato qualche foto alla statua fatta costruire all'ingresso di Harrods, in memoria di Lady Diana e Dodi Al fayed, ci lasciamo Harrods alle spalle, ormai illuminato dalle sue 11500 lampadine che ogni sera lo vestono a festa.

Decidiamo di ributtarci nella "londra di notte" e di mangiare cinese, e con 8.50 sterline ci gustiamo una fantastica cenetta fatta di cose strane e stuzzicanti in uno dei tanti posti in cui poter mangiare. Questa è anche la sera della "scoperta" dei pullman doppi...NO...non sono uscita di testa, solo che le scorse sere per fare ritorno all'hotel abbiam sempre utilizzato la metropolitana...mentre stavolta ci buttiamo alla ricerca di un pullman che ci faccia fare ritorno. Scopriamo che anche i pullman come la metropolitana è un intrecciarsi di linee di andata e ritorno, ognuna col suo colore e numero....peggio che in metro....ma una volta capito come funziona, salire su questi giganti rossi è divertentissimo.

 

03 SETTEMBRE:

Faccaimo i bagagli e prepariamo i documenti per il ritiro dei biglietti di volo...zaino in spalla e si fa un ultimo giro per Londra prima di riprendere lo Stansead Express che ci riporta in aereoporto per il ritorno.

Passiamo la mattina in giro per le vie principali, ripercorrendo i parchi..riproviamo ad andare a Bukingam Palace per il cambio della guardaia...ma non è destino in questo viaggio vederla...ci toccherà tornare un'altra volta.

 

Ci addentriamo in una zona non ancora vista, facciamo colazione ed andiamo alla ricerca di una cartoleria artigianale che (dice la guida) confeziona carta fatta a mano molto bella. Io e Marco il 30 Luglio 2008 ci sposiamo...e voglio trovare qualcosa di speciale per scrivere gli inviti di quel giorno...così dopo un pò la troviamo. Una cartoleria in vecchio stile, piena di carta colorata, liscia, ruvida, buste e bustine sparse ovunque...e trovo quello che stavo cercando..felice e soddisfatta faccio il mio ultimo acquisto prima di ripartire.

Mezz'ora di treno e siamo di nuovo in aereoporto; sembrava ieri quando siamo sbarcati dall'aereo pieni di aspettative curiosi di vedere Londra, che già è ora di ripartire, di tornare a casa.

Prendiamo il nostro volo Ryan Air che ormai il sole sta calando, e dal finestrino si vede Londra colorarsi di rosso....ho già voglia di tornarci...non mi stancherei mai di viaggiare...ma la nostra casa ci aspetta...per un meritato riposo.

 

Diari di Viaggio